NapoliToday.it - Luca Abete supera i 4mila selfie: il suo progetto “One Photo One Day” compie 11 anni

Luca Abete supera i 4mila selfie: il suo progetto “One Photo One Day” compie 11 anni L'iniziativa proseguirà anche nel 2022 per l'inviato di Striscia la Notizia One Photo One Day nasce da un'idea di Luca Abete che, dal 1 dicembre del 2010, si scatta e pubblica, sul sito dedicato www.onephotooneday.it e sul social network Flickr, una foto al giorno per raccontare la sua vita professionale o personale. Ben prima della nascita di Instagram, e della comunicazione per immagini, ha iniziato a scattarsi le foto per documentare ogni giorno della sua vita. La tecnica adottata è quella dell’autoscatto che al principio, ovvero 11 anni fa, aveva una diffusione sicuramente minore e non si chiamava ancora “selfie”, termine (e tecnica fotografica) presente oggi nel nostro agire quotidiano. Per questo motivo Luca viene individuato oggi come un precursore della ormai diffusissima tecnica di comunicazione fotografica del selfie che è stato visto come strumento innovativo per raccontare e raccontarsi. “Quando nel 2010 per strada qualcuno notava che rivolgevo l’obiettivo di una fotocamera verso di me per scattare una foto, in molti mi prendevano per pazzo! – commenta Luca Abete – Dovevo spiegare, a volte senza convincerli, che non ero un povero sfigato che non aveva un amico che lo fotografasse. Oggi, invece, è tutto diverso: ci sono gli smartphone e scattarsi un selfie è una cosa normale, fa parte ormai della nostra quotidianità.” Una foto al giorno che si trasforma in una appassionante sfida di scatti quotidiani che vive di contesti sempre nuovi, di puntualità, costanza ed un folle amore per l’immagine. Ad oggi sono oltre 4000 le foto pubblicate in altrettanti giorni, capaci di diventare un esperimento apprezzato da appassionati, curiosi e addetti ai lavori. Le foto di Luca Abete sono state esposte in mostre fotografiche, ad esempio, negli spazi di Visiva a Roma nel 2013. Molti organi di informazione settoriale hanno dedicato spazio all’idea e intervistato il protagonista. Loredana De Pace, autrice del libro "Tutto per una ragione" ha dedicato un capitolo del suo lavoro al progetto fotografico One Photo One Day. Nel dicembre del 2014, in occasione del quarto compleanno del progetto, Luca incontra i ragazzi dell’Accademia di Belle Arti di Napoli per parlare di fotografia, arte e comunicazione. Le sue foto, inoltre, sono state protagoniste di mostre apprezzate e capaci di sorprendere i tanti fan che lo seguono quotidianamente in onda su Canale 5. Il format ha attirato nel corso degli anni l’attenzione di appassionati e di professionisti, e di realtà di settore come la FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche) Un successo dovuto senza dubbio dall’originalità del format, amplificato dalla popolarità televisiva su scala nazionale e dal grosso seguito di Luca sui social network personali dove vanta quasi 1 milione di seguaci. Sono inoltre numerosi i personaggi incontrati da Luca in questi anni e divenuti a loro volta protagonisti di selfie che hanno arricchito il progetto. Ricordiamo tra gli altri , Eros Ramazzotti, Roberto Vecchioni, Antonio Ricci, i colleghi di Striscia Brumotti, Petyx, Staffelli, Laudadio, Militello, Pinuccio, le Veline, Pif, Riccardo Scamarcio, Laura Chiatti, Cecchi Paone, Eleonora Daniele, Leo Gullotta, Claudia Cardinale, Alba Parietti, Maria Falcone, Salvatore Esposito, Diana Del Bufalo, Gerry Scotti, Michelle Hunziker, Paolo Genovese, Cristiano Malgioglio, Veronica Maya, John Turturro e tanti altri. Tra i selfie più apprezzati senza dubbio c’è quello fatto con Papa Francesco che è stato ripreso da numerosi media nazionali, agenzie di stampa e trasmesso anche a Striscia la Notizia. Fonte: https://www.napolitoday.it/social/luca-abete-selfie-striscia-la-notizia.html

Leggo.it - Striscia, Luca Abete e il suo cameraman aggrediti a Napoli: «Vi rompo tutto»

Questa sera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) andrà in onda il filmato completo dell’aggressione subita venerdì scorso da Luca Abete e il suo cameraman nel quartiere San Giovanni a Teduccio di Napoli. La troupe del Tg satirico era andata nella periferia Est della città per documentare una vendita illecita di veicoli - soprattutto a clandestini - senza regolare passaggio di proprietà. «Io te la do senza passaggio di proprietà. Se ti serve una macchina non ti preoccupare, il documento lo metto io», dice il “venditore” a un attore del Tg satirico che si mostra interessato all’acquisto. Auto che dovranno però circolare senza assicurazione. «Se c’è un posto di blocco ti sequestrano la macchina. A me però non interessa. Faccio questo lavoro da otto anni e vendo auto agli zingari e in tutto il mondo», assicura il venditore. Quando Luca Abete va a chiedere spiegazioni, viene minacciato insieme alla sua troupe: «Andatevene! Spegnete le telecamere! Ma ti credi che abbia paura? Io vi rompo tutto! Mamma, prendi un momento la macchina. Li schiatto a terra!». Poi il cameraman viene inseguito e costretto a fuggire. Solo il tempestivo intervento della polizia ha evitato che la situazione degenerasse.

TGCom24 - Concorsi Inps, "Striscia" svela il mercato dei certificati falsi: così si gonfiano i punteggi

L'inviato del tg satirico Luca Abete ha scovato delle agenzie che falsificano attestati di informatica e inglese. "Striscia la Notizia" ha portato alla luce il mercato di falsi certificati che permetterebbero di scalare la graduatoria per il concorso da1858 posti bandito dall'Inps. L'inviato del tg satirico Luca Abete ha trovato gli enti di formazione in grado di fornire, a pagamento, falsi attestati di inglese e informatica, conoscenze che andrebbero ad incrementare il punteggio in graduatoria. Chi vuole ottenere una certificazione particolare deve soltanto pagare: come infatti confermato da una delle dipendenti di uno di questi enti, non c'è bisogno neanche di sostenere un esame: i prezzi vanno dai 150 ai 400 euro. Intercettata da Abete la donna, che era stata filmata grazie a una telecamera nascosta, ha negato di vendere qualsiasi tipo di certificato spacciandosi come un'allieva iscritta a uno dei corsi offerti.

Leggo.it - Striscia la notizia, Ercolano: nuove rivelazioni sulla dipendente comunale hot. Denaro e regalie in cambio di loculi

Luca Abete torna con nuove rivelazioni sul caso della dipendente a luci rosse del Comune di Ercolano che, come è emerso dallo scoop di Striscia la Notizia, dal suo ufficio si spogliava via webcam su un sito per adulti. Abete ha incontrato il Sindaco di Ercolano, Ciro Buonajuto, per chiedergli conto di un altro illecito. La signora, infatti, dopo una delle dirette porno aveva dimenticato di interrompere le trasmissioni e inconsapevolmente ha diffuso una sua conversazione in cui, senza troppi filtri, parla di pratiche per agevolare l’assegnazione di loculi (anche occupati abusivamente) in cambio di soldi e regalie. «Il mercato dei loculi è una vergogna. Dalla registrazione emerge che i dipendenti del Comune si interessano a fatti che non riguardano il Comune. Chiederò all’ufficio del personale di intervenire», commenta il sindaco Buonajuto. E riguardo alle dirette hot dice: «Abbiamo provato disgusto davanti a quelle immagini e immediatamente ho chiesto di avviare le procedure disciplinari nei confronti della lavoratrice, che è già stata sospesa e si arriverà finanche al licenziamento. Se le mani che si vedono nei video sono di dipendenti comunali bisognerà agire anche nei loro confronti».

TGCom24 - Filler e botox in casa, "Striscia la Notizia" smaschera la "scultrice di volti" abusiva Luca Abete si introduce nell'abitazione della donna con una telecamera nascosta: "Non sono una dottoressa"

Su Instagram si presenta come specializzata in trattamento "full face" con tanto di master di specializzazione, ma la "professionista" in questione non è una dottoressa ed effettua filler e botox alle sue clienti nel suo appartamento abusivamente. Promette profili alla "Angelina Jolie", ma avverte: "Potrebbero esserci reazioni allergiche, il viso potrebbe gonfiarsi. Io consiglio l'assunzione del cortisione per alleviare il gonfiore che altrimenti potrebbe essere permanente". "Striscia la Notizia", con l'aiuto di una complice, riesce a introdurre una telecamera nascosta nell'abitazione della donna che, pensando di parlare con una cliente, dichiara: "Faccio questo lavoro da tre anni, ma non sono una dottoressa e non potrei aprire uno studio". L'inviato del tg satirico di Canale 5, Luca Abete, allora prova a raggiungere la "scultrice di volti", ma lei appena si accorge della presenza delle telecamere scappa. Alle domande di Abete la donna nega più volte di utilizzare botox abusivamente e appena riesce fugge in auto. Fonte: https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/filler-e-botox-in-casa-striscia-la-notiziasmaschera-la-scultrice-di-volti-abusiva_39758649-202102k.shtml

Fanpage: Dirette porno dall’ufficio comunale, il servizio di Luca Abete fa discutere

Luca Abete è riuscito a scoprire che in un popolare sito di live streaming a luci rosse è quotidianamente pianificata la diretta di un’impiegata di un comune campano. Nel video, la signora in questione mostra senza paura le sue nudità, il tutto durante l’orario di servizio. La signora è stata riconosciuta su Twitter. Striscia la Notizia continua a sparigliare l'opinione pubblica con un servizio senz'altro divisivo. Luca Abete è riuscito a scoprire che in un popolare sito di live streaming a luci rosse è quotidianamente pianificata la diretta di un'impiegata di un comune campano. Nel video, la signora in questione mostra senza paura le sue nudità, il tutto durante l'orario di servizio. Luca Abete, come di consueto, irrompe nell'ufficio comunale proprio mentre è in corso una delle dirette dell'impiegata a luci rosse. Colta sul fatto, l'impiegata cerca dapprima di negare tutto poi asseconda le domande di Luca Abete fino a cacciarlo dall'ufficio quando l'inviato di Striscia mostra un cartello da affiggere: "Ufficio dirette porno". Sul web, la reazione è stata divisiva. Tanti hanno lamentato la diffusione di immagini forti in orario di cena. Alessandro Siani e Vanessa Incontrada hanno anticipato i contenuti del servizio, invitando i genitori a tenere d'occhio i più piccoli. Lo stesso servizio era tutto censurato e nessuna scena di nudo è stata mostrata. L'identità della dipendente comunale è rimasta ignota, ma in rete circola già il "nickname" e il profilo utente della signora in questione su uno dei più popolari servizi di live streaming a luci rosse. Fonte: https://tv.fanpage.it/dirette-porno-dallufficio-comunale-il-servizio-di-striscia-la-notizia-fa-discutere/